top of page

Assetti organizzativi e informazioni privilegiate


I nuovi strumenti di politica industriale per lo sviluppo e la quotazione delle PMI impongono ad imprenditori e professionisti d’impresa un allargamento delle proprie conoscenze e competenze in tema di adeguati assetti organizzativi per la corretta gestione delle informazioni privilegiate.

A tal proposito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 39999 del 15 aprile 2019 (dep. il 27/09/2019) realizza una puntuale ricognizione di molte delle questioni più controverse riguardanti il reato di insider trading, che in estrema sintesi sono:


a) la definizione di “informazione privilegiata”, e quella in essa inclusa di “informazioni intermedie”, oltre che la configurazione dell'abuso di informazioni privilegiate quale reato di pericolo astratto ( #informazioniprivilegiate);


b) la differenziazione tra insider primario e secondario, alla luce dell’interesse tutelato dalla norma (art. 184 TUF): la tutela del mercato dallo sfruttamento di posizioni di ingiusto privilegio ( #tuteladelrisparmio);


c) la confisca amministrativa e il suo inquadramento costituzionale;


d) il doppio binario sanzionatorio penale-amministrativo, il divieto di ne bis in idem e il significato della nozione di “sufficiently close connection in substance and time”.


In allegato la sentenza in commento.


Sentenza 39999 - 2019 - Insider Trading
Download • 2.96MB

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page